it
it

Il “default” dell’Argentina

Oggi l’Argentina, che è caduta al nono default del debito, sta entrando nella peggiore contrazione della sua storia. La sua economia si era ridotta ancor prima dello scoppio della pandemia di Covid-19 e il tasso di inflazione al giugno 2020 era del 42,8%.
Il 4 agosto scorso, il Ministero dell’Economia argentino ha emesso un annuncio in cui affermava che il governo aveva raggiunto un accordo di ristrutturazione del debito con i tre principali creditori per un totale di quasi 70 miliardi di dollari. L’accordo ha adeguato la data di pagamento del debito parzialmente ristrutturato, ma non ha aumentato l’importo totale del capitale e degli interessi che l’Argentina deve sostenere.
I media locali hanno riferito che circa il 60% dei creditori ha espresso la propria accettazione dell’ultimo piano di ristrutturazione del debito e nello stesso mese è iniziata per la prima volta la ristrutturazione del debito nell’emissione di obbligazioni statunitensi argentine.
Nello scorso aprile, il governo argentino aveva avviato ufficialmente i negoziati per la ristrutturazione del debito. Nel frattempo, il governo aveva annunciato di non essere in grado di pagare un totale di circa 500 milioni di dollari USA in interessi obbligazionari.
Dopo un periodo di sospensione di 30 giorni, si è creato il “default tecnico”, a causa di notevoli disaccordi con i creditori su questioni fondamentali come i tassi di sconto delle obbligazioni e l’estensione del periodo di rimborso, e le trattative sono state più volte rinviate. All’inizio di luglio, il governo argentino aeva annunciato la sesta proroga del periodo di negoziazione fino al predetto 4 agosto.
La conclusione dell’accordo di ristrutturazione allevierebbe notevolmente la pressione sul debito del governo argentino. Il 4 aprile il presidente Fernández ha dichiarato che il raggiungimento di un accordo avrebbe aiutato l’Argentina a uscire il primo possibile dalla crisi economica esacerbata dalla pandemia di Covid-9
Ciò ridurrebbe il debito pubblico di circa 33 miliardi di dollari USA nei prossimi 10 anni, dando al governo maggiori risorse finanziarie per realizzare progetti in vari campi. Dare possibilità allo sviluppo sostenibile a medio e lungo termine dell’economia e della società del Paese.
Il mercato finanziario ha risposto rapidamente e positivamente alla conclusione dell’accordo sul debito. Il mercato azionario dei cambi interni dell’Argentina e l’indice azionario emesso dalle principali società statunitensi sono continuati a crescere. Il peso argentino ha fermato la voragine; ed il tasso di cambio rispetto al dollaro USA è leggermente aumentato. La fiducia del mercato internazionale in Argentina s’è innalzata.
Secondo il rapporto sull’indice di rischio del Paese pubblicato da JPMorgan Chase Bank, esso è sceso al 4, valore più basso per il 2020.
L’economista argentino Gustavo Neffa ritiene che l’accordo di ristrutturazione del debito offra all’Argentina le condizioni per uscire dal dilemma del “default tecnico”, in maniera da favorire 1) l’eliminazione dell’incertezza nel mercato finanziario a breve termine, 2) il miglioramento della stabilità macroeconomica e 3) la promozione delle riserve valutarie argentine. Il graduale recupero dei livelli significa che il mercato del credito internazionale è ancora aperto all’Argentina.
Il governo ha mantenuto la sostenibilità del debito modificando i termini di pagamento con altri mezzi, ed ha evitato che l’Argentina cadesse in un circolo vizioso di contrarre nuovi debiti per ripagare i vecchi.
La economista argentina Natalia Motyl ha affermato che la pressione sul debito argentino si è allentata, mentre si rinnova la fiducia del mercato finanziario internazionale per l’economia di quel Paese. Fiducia che aiuterà a sbarazzarsi del problema legato al declino degli investimenti privati e della graduale fuga di capitali, e consentirà al Paese di integrarsi nel mercato internazionale dei capitali a un livello più profondo.
La conclusione dell’accordo può effettivamente frenare l’inflazione e il deprezzamento della valuta locale, stabilizzare i prezzi di beni e servizi e svolgere un ruolo importante nel garantire lo sviluppo sostenibile dell’economia nazionale del Paese. La Motyl ha affermato che il governo ha guadagnato più spazio nel controllo della politica macroeconomica, ed è favorevole all’implementazione di un nuovo ciclo di riforme economiche: però l’economia argentina deve attuare riforme strutturali per rimettersi in carreggiata.
La maggior parte degli esperti economici argentini ritiene che l’attuale sistema finanziario in Argentina sia ancora molto fragile e che l’impatto della pandemia abbia superato le attese. Raggiungere un accordo di ristrutturazione del debito con un Paese straniero è solo il primo passo.
L’Argentina dovrà ancora affrontare i debiti in scadenza del Fondo monetario internazionale in futuro e continuare a negoziare le relative questioni legate al FMI. Ripristinare la fiducia nel mercato degli investimenti è una sfida non da poco da affrontare e velocemente.
Infatti l’Argentina prevede di raggiungere un nuovo accordo sul piano finanziario con l’FMI entro marzo di quest’anno. Si ritiene che Buenos Aires ei suoi creditori abbiano raggiunto un accordo di ristrutturazione del debito da 65 miliardi di dollari USA, che aumenterà le risorse del Paese onde contrattare per un negoziato sulla situazione finanziaria del Paese, in accordo con il FMI.
Il termine per i negoziati del marzo del prossimo anno è stato fissato in quanto l’Argentina deve rimborsare prima del maggio 2021 due miliardi di dollari ai membri creditori del Club di Parigi, che raccoglie i Paesi più ricchi del mondo:

Australia
Austria
Belgio
Brasile
Canada
Repubblica di Corea (sud)
Danimarca
Finlandia
Francia
Germania
Giappone
Irlanda
Israele
Italia
Norvegia
Paesi Bassi
Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord
Russia
Spagna
Stati Uniti d’America
Svezia
Svizzera

L’Argentina quindi spera di rinegoziare gli accordi di rimborso del debito con il Club di Parigi dopo i negoziati con il FMI.
Mark Sobel – presidente per gli USA dell’Official Monetary and Financial Institutions Forum ed ex funzionario di lunga data del dipartimento del Tesoro USA, nonché presidente della tavola rotonda che ha sviluppato i CACs potenziati (clausole di azione collettiva che consentono a una maggioranza di obbligazionisti di concordare una ristrutturazione del debito giuridicamente vincolante per tutti i possessori di obbligazioni, compresi quelli che votano contro la ristrutturazione) – ha affermato che l’Argentina è stata in comunicazione con il FMI e che c’è del tempo prim’ancora del marzo prossimo. Se le due parti saranno leali, i negoziati sono in grado d’essere completati prima della scadenza. Al contempo un portavoce del ministero dell’Economia argentino ha rifiutato di commentare la notizia di cui sopra. Mentre un portavoce del FMI ha detto che è disposto a discutere il piano di riorganizzazione con l’Argentina in qualsiasi momento.
Il «Wall Street Journal» ha riferito, però, che gli investitori si stanno preparando per ulteriori insolvenze e caos nei mercati emergenti.I precedenti accordi raggiunti tra l’Argentina ei creditori hanno evidenziato la pressione che il Covid-19 sta esercitando su molte economie in via di sviluppo.
Secondo i rapporti, il blocco antiepidemico e il crollo dei prezzi delle materie prime hanno avuto un impatto sulle economie in via di sviluppo: nel contesto anche Ecuador e Libano hanno chiesto quest’anno concessioni ai creditori.
Molte di queste economie emergenti sono gravate da debiti per miliardi di dollari e dipendono esclusivamente dal turismo e dalle esportazioni per sostenere le attività economiche. Tuttavia, il Covid-19 si sta ancora diffondendo e l’impatto economico potrebbe durare più a lungo di quanto gli analisti si aspettassero in precedenza.
Essi ritengono che dopo l’Argentina e i suoi creditori abbiano raggiunto l’accordo di cui sopra, i negoziati del Paese con l’FMI potrebbero innescare una maggiore imprevedibilità nei mercati emergenti.

Giancarlo Elia Valori