it
it

I giri di valzer diplomatici degli Emirati Arabi Uniti

Abu Dhabi mette da parte le divergenze fra i sette Emirati Arabi Uniti (Ras Al Khaimah, Sharjah, Abu Dhabi, Umm Al Quwain, Ajman, Dubai e Fujairah) per il riavvicinamento con Teheran, in linea con il suo dialogo bilaterale con altri Paesi della regione. Gli Emirati Arabi Uniti hanno avviato un processo di riavvicinamento con l’Iran. Sulla scia di una serie di riconciliazioni regionali con Israele, Qatar, Siria e Turchia, si è molto dibattuto negli Emirati Arabi Uniti sul tentativo di riavvicinamento con l’Iran segnato dalla visita del consigliere per la sicurezza nazionale Tahnoon bin Zayed Al Nahyan a Teheran il 6 dicembre, con il clan di Al Nahyan che cede alle pressioni dell’emiro di Dubai, Mohammed bin Rashid Al Maktoum, che vede un interesse economico per il suo emirato con legami più stretti con l’Iran.
Anwar Gargash, il consigliere diplomatico di origine iraniana degli Emirati Arabi Uniti, il presidente Khalifa bin Zayed Al Nahyan e il ministro degli esteri Chahir Almanrar hanno organizzato l’incontro, a cui ha partecipato anche Hazaa bin Zayed Al Nahyan, vicepresidente del consiglio esecutivo di Abu Dhabi e numero due del Dipartimento per la Sicurezza dello Stato.
Mentre Tahnoon bin Zayed Al Nahyan si sforzava di rassicurare il presidente iraniano Ebrahim Raissi e Ali Shamkhani, segretario del Supremo Consiglio di sicurezza nazionale, sulla normalizzazione con Israele, c’erano altri punti di contrasto nell’incontro, comprese le isole contese di Abu Musa e i Tunbs Maggiore e Minore, ed il conflitto in Yemen.
Non ci sono segni che la riconciliazione diplomatica possa porre fine all’antagonismo tra l’Iran e ai servizi di intelligence degli Emirati Arabi Uniti. Il Il dipartimento di intelligence dei Pasdaran, guidato da Hossein Taeb, dispone di una rete di agenti clandestini ad Abu Dhabi e Dubai, alcuni dei quali sono stati identificati e arrestati dal Dipartimento per la Sicurezza dello Stato degli Emirati Arabi Uniti e Teheran chiede la loro estradizione.
Lo stesso giorno della visita di Tahnoon bin Zayed Al Nahyan a Teheran, in Siria anche il ministro degli esteri Faisal Al Moqdad ha visitato la capitale iraniana, a breve dopo che il presidente siriano Bashar Al Assad aveva ricevuto il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, Abdullah bin Zayed Al Nahyan, a Damasco il 9 dicembre, annunciando un nuovo asse che avrà un impatto nella regione sulla scia degli Accordi di Abraham del 13 agosto 2020.
Gli accordi di Abramo sono una dichiarazione congiunta tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Stati Uniti d’America, Successivamente il termine è stato utilizzato per riferirsi collettivamente agli accordi tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti (Accordo di normalizzazione Israele-Emirati Arabi Uniti) e Bahrein, rispettivamente (Accordo di normalizzazione Bahrein-Israele). La dichiarazione ha segnato la prima normalizzazione delle relazioni tra un Paese arabo e Israele da quella dell’Egitto nel 1979 e della Giordania nel 1994. Gli accordi originali di Abramo sono stati firmati dal ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed Al Nahyan, dal ministro degli Esteri del Bahrein Abdullatif bin Rashid Al Zayani e dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu il 15 settembre 2020 presso la South Lawn della Casa Bianca a Washington. Gli accordi sono stati mediati dall’amministrazione Trump e segnano la prima normalizzazione in assoluto dei legami tra Israele e un Paese del Golfo Arabo. Bahrein, Sudan e Marocco hanno poi seguito i propri accordi di normalizzazione con Israele.
Nel frattempo le autorità degli Emirati Arabi Uniti – pochi giorni fa in risposta alla richiesta degli Stati Uniti d’America di abbandonare l’uso delle tecnologie cinesi – hanno minacciato di rescindere il contratto per l’acquisto di caccia F-35 e altre armi, come riporta l’agenzia di stampa russa RIA Novosti citando «The Wall Street Journal».
In precedenza, «The New York Times» ha riferito che Washington e Abu Dhabi avevano concordato di fornire aerei F-35 e droni d’attacco Reaper agli Emirati Arabi Uniti. È stato chiarito che l’importo del contratto sarà di 23 miliardi di dollari.
Bloomberg ha poi riferito che l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti d’Americam Joe Biden ha chiesto alle autorità degli Emirati Arabi Uniti di smettere di utilizzare le tecnologie dell’azienda cinese Huawei per proteggersi dallo spionaggio, con un comportamento da ripicca di fidanzata tradita.
Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Tahnoun bin Zayed Al-Nahyan, a Teheran ha visitato il segretario del Consiglio supremo per la sicurezza nazionale dell’Iran Ali Shamkhani, secondo quanto riportato dai media iraniani. Intanto durante l’incontro fra Iran ed Emirati Arabi Uniti le parti hanno discusso delle relazioni bilaterali, nonché di temi di attualità della cooperazione regionale. Secondo Shamkhani, la sicurezza e la stabilità sostenibili nella regione possono essere raggiunte attraverso la cooperazione tra i Paesi. Egli ha anche dichiarato la disponibilità di Teheran a sviluppare relazioni costruttive con i Paesi vicini e ha esortato, invece di approcci militari, a privilegiare i negoziati e il consenso per risolvere i conflitti.
«I Paesi del Golfo Persico potranno raggiungere sviluppo e prosperità per i loro popoli solo attraverso la cooperazione», ha affermato Shamkhani, ricordando le condizioni sfavorevoli per la popolazione, sfociate in conflitti militari nella regione.
A sua volta, Al-Nahyan ha espresso la speranza che la visita a Teheran possa contribuire allo sviluppo e al rafforzamento delle relazioni tra i due Paesi.
«Le relazioni calde e fraterne con Teheran sono una delle priorità per Abu Dhabi. In quanto Paese regionale grande e potente, l’Iran è un collegamento tra Oriente e Occidente in termini di posizione geopolitica», ha affermato il rappresentante degli Emirati Arabi Uniti.
Intanto – ricordando il titolo dell’articolo – il primo ministro israeliano Naftali Bennett è atterrato il 13 dicembre negli Emirati Arabi Uniti in una visita storica, segnando la prima volta che un leader israeliano ha incontrato pubblicamente il sovrano di fatto degli Emirati Arabi Uniti, ossia il principe ereditario di Abu Dhabi, lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan.
Bennett ha colto l’occasione per sottolineare ciò che ha visto e, in effetti, quella che gli analisti regionali descrivono come una nuova realtà per il Medio Oriente: «Secondo me, questo è ciò che la pace e la nuova realtà stanno vivendo questa regione e stiamo lavorando insieme per garantire un futuro migliore ai nostri figli», ha detto all’agenzia di stampa statale degli Emirati Arabi Uniti WAM.
Più tardi l’ufficio di Bennett ha annunciato che Mohammed bin Zayed ha accettato l’invito del leader israeliano a visitare Israele. La data di tale visita non è stata ancora stabilita.
Nonostante alcune critiche da altre parti del mondo arabo, Israele e gli Emirati Arabi Uniti sono andati avanti con miliardi di dollari di partnership commerciali, turistiche, tecnologiche e di trasporto. A pochi mesi dalla firma degli accordi, i turisti israeliani si sono riversati nei ristoranti, nelle spiagge e nei centri commerciali degli Emirati Arabi Uniti. Dicembre ha visto le cerimonie all’aperto della Channukah ebraica (Festa delle Luci) tenute a Dubai, qualcosa che sarebbe stato inimmaginabile solo due anni prima.
È probabile che le discussioni tra Bennett e il leader degli Emirati Arabi Uniti si siano concentrate su aree di cooperazione reciproche, tra cui energia, commercio e difesa. Lo scorso marzo gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato un grande fondo da 10 miliardi di dollari dedicato all’investimento in quelli che ritengono essere settori strategici in Israele.
I settori includono assistenza sanitaria, energia, acqua, produzione, tecnologia agricola e spazio. A novembre, Israele, Emirati Arabi Uniti e Giordania hanno firmato un importante accordo «energia in cambio di acqua». E a ottobre, il grande fondo sovrano di Abu Dhabi, Mubadala, ha acquistato una quota del 22% nel giacimento di gas offshore Tamar di Israele.
Naturalmente nel gioco delle parti, l’Iran ha aspramente criticato la visita di Bennett negli Emirati Arabi Uniti.

Giancarlo Elia Valori